Relazione sul Convegno

Pubblicata il: 6-02-2008 11:49

Grande affluenza di pubblico sabato pomeriggio a Canelli per il convegno sul tema" case a basso consumo energetico".L’obiettivo era di divulgare queste tematiche sia agli utenti finali che ai professionisti del settore.

Sotto il patrocinio dell’Ordine degli Architetti di Asti e del collegio dei Geometri di Asti, lo studio di progettazione IVALDI ASSOCIATI e l’impresa I.E.F.I. SRL di Calamandrana insieme a Alpi Fenster e Gasbeton, hanno esposto la nuova filosofia del costruire secondo il modello energetico ideato dall’Agenzia CasaClima di Bolzano e che oggi si sta diffondendo in tutt’Italia (attualmente esistono 700 case certificate nella provincia autonoma e 30 nel resto d’Italia).

L’Agenzia CasaClima rappresenta un Ente terzo e quindi autorevole, a cui il futuro proprietario di una casa o un costruttore può rivolgersi per avere la certificazione ed insieme la certezza di quanto consumerà la casa che sta realizzando. Così hanno fatto l’ing. Stefano e l’arch Elena Ivaldi della I.E.F.I. SRL , che sta ultimando il primo palazzo a Calamandrana con l’obiettivo della Certificazione in Classe B Casaclima. ( ) e ne inizieranno un secondo questa primavera.

Anche lo Stato e gli Enti Locali stanno affrontando con maggiore convinzione questi temi e possono incidere profondamente nel settore.

Il primo intervento dell’Onorevole Fiorio, sostituito dal vicesindaco Fabio Isnardi e dall’ing. Gallo, illustra i temi introdotti a livello nazionale dalla finanziaria ed un esempio che si vuole perseguire con la realizzazione della nuova scuola elementare a Calamandrana

"Seguendo i canoni dell’Agenzia" dice l’ing Gionata Sancisi Certificatore CasaClima " si possono realizzare casa che consumano un ventesimo in meno di quanto consumano oggi le case tradizionali."

Come per le automobili o per le lavatrici, Casaclima ha introdotto le CLASSI DI EFFICIENZA ed al termine della certificazione, ogni casa a basso consumo, avrà esposta una targhetta con la Classe A oppure B.

Oggi si fa molto per creare la cosiddetta "coscienza ambientale", è giusto sapere che il settore dell’edilizia residenziale è una delle maggiori fonti di consumo energetico e d’inquinamento del mondo industrializzato. E’anche vero però, che è il settore in cui è più facile e proficuo intervenire per la riduzione delle fonti inquinanti.

"Da ingegnere" sostiene l’ing Stefano Ivaldi" mi piace presentare i temi dell’incontro con tre teoremi o, se volete, tre equazioni fondamentali dell’edilizia a basso consumo energetico:

1-Basso consumo energetico= Riduzione dei costi di gestione (bollette più basse);

2-Basso consumo energetico= migliore qualità e comfort abitativo.

3-Basso consumo energetico= bassa emissioni di inquinanti (CO2, polveri sottili, ecc);"

Si sono affrontati anche temi di bioedilizia ed ecocompatibilità perché si può inquinare meno e ridurre i costi di gestione delle abitazioni anche utilizzando materiali che non derivino dalla chimica del petrolio e fonti energetiche rinnovabili non di origine fossile.

"progettare e realizzare un edificio" sostiene L’Arch Elena Ivaldi " significa modificare per sempre il territorio in cui esso sorge e significa anche influenzare la vita delle persone che abitano o lavorano in quel edificio" e quindi aggiunge che "è necessario che il progettista recuperi il senso etico della sua professione, e che il costruttore incominci a sfatare quell’ignoranza che oggi caratterizza il mondo immobiliare".

L’Agenzia CasaClima ,da questo punto di vista, offre una strumento di progettazione e di verifica chiaro e specifico per ciascun edificio che si realizza e fornisce all’utente finale una certezza ed una garanzia di consumi e di qualità edilizia.

La conoscenza e l’integrazione di questi sistemi può dare ottimi risultati.

Resta un fatto: il grosso del risparmio energetico si fa con l’involucro, muri perimetrali, serramenti, eliminazione dei ponti termici.

orologi economici uomo www.reeftiger.it

Documenti correlati:

Commenta